domenica 10 dicembre 2017

(a cura Redazione "Il sismografo")
Cari fratelli e sorelle,
oggi sarà conferito il Premio Nobel per la Pace alla Campagna Internazionale per abolire le armi nucleari. Tale riconoscimento avviene in coincidenza con la Giornata delle Nazioni Unite per i Diritti Umani, e questo sottolinea il forte legame tra i diritti umani e il disarmo nucleare. Infatti, impegnarsi per la tutela della dignità di tutte le persone, in modo particolare di quelle più deboli e svantaggiate, significa anche lavorare con determinazione per costruire un mondo senza armi nucleari. Dio ci dona la capacità di collaborare per costruire la nostra casa comune: abbiamo la libertà, l’intelligenza e la capacità di guidare la tecnologia, di limitare il nostro potere, al servizio della pace e del vero progresso (cfr Lett. enc. Laudato si’, 78, 112, 202).
Dopodomani si svolgerà a Parigi il Vertice “Our Planet Summit”. A due anni dall’adozione dell’Accordo di Parigi sul clima, esso intende rinnovare l’impegno per la sua attuazione e consolidare una strategia condivisa per contrastare il preoccupante fenomeno del cambiamento climatico. Auspico vivamente che questo Vertice, così come le altre iniziative che vanno nella medesima direzione, favoriscano una chiara presa di coscienza sulla necessità di adottare decisioni realmente efficaci per contrastare i cambiamenti climatici e, nello stesso tempo, combattere la povertà e promuovere lo sviluppo umano integrale.
***
In questo contesto vorrei esprimere la mia vicinanza alle popolazioni indiane colpite dal ciclone Okhi, specialmente alle famiglie dei moltissimi pescatori dispersi; e anche alla popolazione dell’Albania, duramente provata da gravi inondazioni.
Rivolgo il mio saluto a tutti voi, romani e pellegrini. In particolare ai fedeli venuti da Valladolid e Huelva, in Spagna. Saluto i numerosi gruppi di giovani e ragazzi italiani provenienti da Firenze, Carugate, Brembate, Almè, Petosino e Pian Camuno: vi incoraggio tutti ad essere gioiosi testimoni del Vangelo.
A tutti auguro una buona domenica e un buon cammino di Avvento, preparando la strada al Signore che viene.
Per favore, non dimenticatevi di pregare per me. Buon pranzo e arrivederci!